[su_spoiler title=”28/09/2015 Limitazioni al traffico privato dal 15 ottobre al 15 aprile” style=”fancy” icon=”plus-circle”]

VEICOLI INQUINANTI
A Milano, come in buona parte di tutta la Lombardia, ci sono limitazioni al traffico privato dal 15 ottobre al 15 aprile, per i veicoli più inquinanti che sono stati individuati in:
→ Veicoli a benzina di categoria Euro 0
→ Veicoli a gasolio di categoria Euro 0, Euro 1 ed Euro 2
Tale limitazione è valida dalle 7,30 alle 19,30 dei giorni feriali.
Possono invece circolare i veicoli a benzina Euro 0, se hanno la doppia alimentazione (benzina–gpl oppure benzina–metano). Per tutte le informazioni: www.regione.lombardia.it sezione Ambiente.

Accesso Area “C” Milano

Da alcuni anni il Comune di Milano ha introdotto Area C, la tariffazione di ingresso alla Zona a traffico limitato della Cerchia dei Bastioni, ossia della zona centrale della città. Area C è attiva nei giorni di lunedì, martedì, mercoledì e venerdì (feriali) dalle 7.30 alle 19.30, mentre i giovedì (feriali) dalle 7.30 alle 18. Chi entra in Area C deve pagare un ticket del costo di 5 euro, da corrispondere entro la mezzanotte del giorno successivo all’ingresso. E’ possibile anche regolarizzarsi successivamente, ma pagando 15 euro, entro il settimo giorno dall’avvenuto ingresso. Sono attive varie agevolazioni: per residenti, veicoli di servizio o per chi parcheggia in autorimesse convenzionate. Hanno divieto di accesso e di transito i veicoli diesel Euro 0, 1, 2 e 3 senza filtro anti particolato, quelli benzina Euro 0 e quelli di lunghezza superiore a 7,5m. Nella apposita sezione “Area C” del sito del Comune di Milano potete trovare tutte le informazioni.
Alcuni numeri utili:
– Centralino del Comune di Milano 02.02.02
– Centrale operativa della Polizia Locale 02.02.208

[/su_spoiler]

[su_spoiler title=”Novita’ in materia di leasing Data Pubblicazione: 09/09/15 ” style=”fancy” icon=”plus-circle”]

La legge n.125 del 6 agosto 2015, di conversione del d.l. 19 giugno 2015 n. 78, ha introdotto alcune modifiche in materia di tassa automobilistica per ciò che riguarda i veicoli in locazione finanziaria.

1) Intervenendo in via interpretativa sul contenuto dell’art. 7 della l. n. 99/2009, ha individuato nel locatario in modo esclusivo il soggetto tenuto al pagamento della tassa automobilistica.
Le società di leasing sono coinvolte nell’obbligazione tributaria in regime di solidarietà solo in caso di adesione al pagamento cumulativo.
2) A decorrere dalla scadenza di agosto 2015, la competenza regionale dei versamenti viene individuata sulla base della residenza del soggetto locatario.

Le modifiche introdotte dalla normativa citata in materia di leasing hanno un immediato impatto sui sistemi di riscossione.
E’ però evidente che la loro applicazione presenta problematiche complesse, soprattutto per ciò che riguarda la nuova gestione della competenza regionale dei versamenti, determinata dalla residenza degli utilizzatori.
Problematiche che richiedono interventi anche a livello nazionale.
Le attività per l’adeguamento dei sistemi sono già state avviate, ma richiederanno tempi non brevi.
A più breve scadenza, per gestire la fase transitoria, verrà implementata in GTA una funzionalità di riscossione con dati tecnici che consentirà, a richiesta degli interessati, di riscuotere a favore della Lombardia anche la tassa dovuta per i veicoli con proprietario residente fuori Regione e locatario lombardo.
In ogni caso, Regione Lombardia, in collaborazione con le altre Regioni, provvederà a sanare, utilizzando l’istituto della compensazione, eventuali errori di destinazione dei versamenti nel prossimo periodo.

[/su_spoiler]
[su_spoiler title=”13/08/2015 Ministero dell’Interno Circ. 5718 – Legge 29 luglio 2015″ style=”fancy” icon=”plus-circle”]

A seguito delle procedure d’infrazione avviate dall’UE si evidenziano le principali modifiche disposte in materia di patenti di guida e di Codice della Strada:
– apportate deroghe ai requisiti che devono essere posseduti da coloro che al 30.6.2015 effettuano esami di guida per le categorie AM, A1, A2 e A – C1, C, D1 e D – BE, C1E, CE, D1E e DE, previo conseguimento della qualifica iniziale prescritta per la categoria corrispondente a quella per la quale svolgono la propria attività.
– introdotta la possibilità di poter guidare a sedici anni i veicoli cui abilita la patente di guida della categoria AM, A1, B1, con possibilità di trasporto di un passeggero;
– eliminato il limite di 750 Kg di massa rimorchiabile per la patente speciale delle categorie AM, A1, A2, A, B1, B, C1, C, D1 e D;
– ai fini del rilascio di una patente di guida o di una delle abilitazioni professionali di cui all’articolo 116, nonché dell’applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 126, per residenza si intende la residenza normale in Italia di cittadini di Stati membri dell’UE o dello Spazio economico europeo.

[/su_spoiler]