lunedì – venerdì: 08.30 – 12.30 | 14.00 – 18.00 | sabato su appuntamento: 08.30 – 12.30

CONTATTI

Dopo aver superato l’esame per condurre un qualsiasi veicolo, bisogna attenersi alle tempistiche imposte dal Codice della Strada per il rinnovo della patente di guida. Chi possiede una patente (che sia di tipologia A, B, C o D) è obbligato a sottoporsi periodicamente a una visita medica per attestare il proprio stato di salute, ovvero la sussistenza dei requisiti fisici e psichici per continuare a guidare il proprio mezzo. La durata della validità di ciascun tipo di patente varia in base all’età.

Rinnovo della patente A e della patente B

La patente A, per intenderci la patente per le moto, vale: dieci anni fino a 50 anni di età, cinque anni tra i 50 e i 70 anni, tre anni dopo i 70 anni. Si possono osservare le stesse tempistiche per la patente B, quella per le autovetture.

Rinnovo della patente C

Rispetto alle precedenti, le patenti di categoria C hanno più restrizioni. Fino a 65 anni il rinnovo della patente è ogni cinque anni. Superato questo limite di età la validità si abbassa a due anni e cambia anche il tipo di veicolo che si può guidare. Per condurre con la patente CE autotreni e autoarticolati di massa complessiva a pieno carico maggiore di 20 tonnellate, dopo i 65 anni e fino ai 68 anni, serve un attestato specifico, conseguibile ogni anno attraverso una visita medica specialistica. Al compimento del sessantottesimo anno di età non è più possibile guidare questi mezzi.

Rinnovo della patente D

Le patenti di guida di categoria D sono valide per cinque anni fino a 70 anni di età, poi la validità scende a tre anni. Dopo i 60 anni di età le patenti D e D1 permettono di guidare solo i veicoli indicati per la patente B, mentre le patenti D1E e DE soltanto i veicoli per cui è necessaria la patente BE. Chi possiede la patente D o DE, acquisita entro il 30 settembre 2004 e ha più di 65 anni di età, deve rispettare le regole di rinnovo per le patenti C e CE.

Per guidare autobus, autocarri, autotreni, autosnodati e autoarticolati adibiti al trasporto di persone, fino al sessantottesimo anno di età serve uno specifico attestato da ottenere ogni anno, a seguito di visita medica specialistica, e dopo i 68 anni non si possono più condurre questi veicoli.

Rinnovo delle patenti di guida speciali

Le patenti di guida speciali delle categorie AM, A1, A2, A, B1 e B sono valide per cinque anni, mentre diventano valide per tre anni dopo aver compiuto i 70 anni di età. Le patenti di guida speciali C1, C, D1 e D invece seguono le tempistiche già enunciate nei paragrafi sopra.

Alcune specifiche

Dopo l’ottantesimo anno di età, il rinnovo della patente (per qualsiasi tipologia) è obbligatorio ogni due anni.

Dal 2012 la data della scadenza della patente equivale alla data di nascita del conducente, per quanto riguarda giorno e mese. Questa direttiva non si applica alle patenti C e D (C1, C1E, C, CE, D1, D1E, D e DE) e alle Carte di qualificazione del conducente (CQC Merci e CQC Persone).

Per ulteriori informazioni contattaci.

× Come posso aiutarti?